Una Fetta Di Paradiso: Barchette Alla Ricotta

mercoledì 24 aprile 2013

Barchette Alla Ricotta


Sto guardando ‘Spose Extralarge’ ma di XL vedo ben poco! Nel senso che la sposa in questione, in ogni puntata, non supera quasi mai la 44 o_0 no dico embè, mica è una Xl! Forse per l’America la 44 è una Xl ma allora io? Indosso una 46 e che sono? L !

A prescindere che credo che se una persona si piace fisicamente, non ha importanza che taglia indossi, sempre se non si tratti di salute perché allora, lì, alzo le mani! Io sono dovuta correre ai ripari, per l’appunto, perché in famiglia ho vari parenti con patologie particolari e non posso rischiare di contrarne una solo perché mangio male, ecco uno dei motivi principali per cui ho preso questa decisione, oltre che il vedermi indossare di nuovo una 44 convinta J . La scelta di mangiar sano dovrebbe essere presente in ogni famiglia, spero di riuscire nell’intento e di poter perdurare nel tempo, questo è un augurio che trasmetto anche a voi.

Non vi allarmate, queste barchette non sono per noi, bensì per un piccolo dono e ne approfitto per mostrarle anche qui.

Ingredienti Per La Frolla:

250 gr farina integrale
90 gr zucchero di canna di Demerara
1 pizzico di sale
1 uovo + 2 tuorli
120 gr burro
(in sostituzione 90 ml olio girasole)
La scorza di 1 limone bio

Ingredienti Per Il Ripieno:

150 gr ricotta
30 gr arancia candita
70 gr gocce di cioccolato
150 gr semolino
300 ml latte
2 cucchiaini cannella

Procedimento:

Preparate la frolla unendo la farina, il sale, lo zucchero, il burro, le uova e la scorza.
Una volta pronto il panetto,
 riporlo in frigo per 30 minuti.
Nel frattempo preparate il ripieno, mettendo a bollire il latte e la cannella in un pentolino. 
In un recipiente mescolare la ricotta con l’arancia candita e il cioccolato.

Quando bolle il latte, fuori dal fuoco, versare il semolino 
e sempre mescolando rimetterlo sul fuoco per altri 2 minuti.
Fuori dal fuoco versare la crema di semolino sulla ricotta,
 mescolando con cura e in seguito riporre in frigo.
Trascorsi i 30 minuti riprendere la frolla, stenderla e inserirla nei mini stampi a forma di barchetta (che uso per la 1^ volta, un regalo di mamma che conosce il mio amore smisurato per le caccavelle)

 inserire il ripieno di ricotta, 
coprire con altra frolla
 ed infornare in forno caldo a 180° per 15/20 minuti.
Una volta sfornate, farle freddare su una griglia
 e poi decorare con zucchero a velo.



26 commenti:

  1. Ma che carine!!! Devono anche essere deliziose la ricotta poi è molto delicata ! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero, e quella crema al semolino mi ingrippa parecchio!

      Elimina
  2. Vale, se penso a quella volta che chiesi al mio dottore di darmi qualcosa per farmi ingrassare grrrrrrrrr, lui mi rispose arriverà un giorno che verrai a chiedermi di darti qualcosa per farti dimagrire... Perchè 20 anni fa feci quella domanda stupida? Beata chi mangerà questi dolcetti...
    Bacissimi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah Anto...ma come? Perché avresti dovuto ingrassare?Stavi tanto bene, come adesso d'altronde, un pò più di attenzione negli ingredienti usati e il gioco è fatto!

      Elimina
  3. Che bontà!
    Io adoro i dolci con la ricotta infatti sabato ho fatto la pastiera!

    A presto

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con te in primis la salute! Non ha importanza l'aspetto estetico ed in ogni caso gli eccessi non vanno mai bene..io ho combattuto troppi anni con il problema inverso e ti assicuro che in quanto a salute i danni sono gli stessi se non peggiori!
    Complimenti per le tue barchette..deliziose!
    Grazie per regalare sempre queste ricette sane e sfiziose ^.^
    <3 dalla zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, a voi, che quotidianamente siete qui con me ;-) bisogna volersi bene, in primis noi stessi, poi tutto il resto!

      Elimina
  5. bellissimi e molto invitanti le tue barchette ,complimenti e un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Ne ho lasciata una, ma ancora è lì nella sua scatolina, ma ti dico che l'aroma che sprigionava il forno era incredibile!

      Elimina
  7. Approvo il tuo proposito di mangiar sano!!Dovrebbe essere la regola di ogni giorno!Comunque le tue barchette sono favolose..e anche se non proprio dietetiche ne magerei una subito subito:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda alla fine se la si mangia la mattina per colazione, il danno è minimo visto che nella 1^ colazione ci devono essere carboidrati (quindi i guscio di frolla), proteine (la ricotta) e vitamine (arancia candita), alla fine si rispecchiano tutti i parametri!

      Elimina
  8. Un dolce golosissimo...ma come fai a non addentarne almeno uno? Io non ce la farei mai :)
    Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo addenterò, magari domani mattina a colazione Dany ;-)

      Elimina
  9. Vale sacrosante parole!Io anche per vari problemi familiari dovrei essere attentissima,invece purtroppo sul cibo riverso tutto:ansie,gioie e preoccupazioni.E ogni giorno mi dico basta,ma poi ci sono periodi un pò cosi che ti fanno affondare.Ed il bello è che ho avuto la prova in mano del mangiare sano.Quando cercavo ormai da tanto la mia prima figlia e ogni mese era un fallimento contattai una dottoressa naturopata e ayurveda.Sono fortemente intollerante al lattosio.Secondo lei provoca muco nell'organismo,muco che ostacola qualsiasi processo fisico.Mi ha bombardata di vitamina E e messa a dieta.Per due mesi ho tolto tutto quello che mi creava problemi.Al terzo ero incinta.Casualità?Magari si.Secondo lei no,il mio corpo era un insieme di sostanza tossiche,muco e infiammazioni!Cmq,scusa la digressione,vengo qui e divento logorroica ^_^Tu fa una cosa:scrivi più spesso post motivazionali così io mi riconvinco e ti seguo ^_^
    Un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no ma scrivi pure, ti leggerei per ore, (per questo passo spesso da te ;-) ). Tesò tu hai ragione ed io condivido, per tante settimane ho mangiato di tutto frengandomene, diciamo che un altro motivo per la dieta è stato proprio ciò che scrivi tu, ricordo che nel 2006 dopo 5 mesi di dieta in cui persi 8 kg, uscì incinta...vorrei ripetere l'esperienza :-)
      ti abbraccio forte

      Elimina
  10. Anche io sono dell'idea di mangiare in maniera sana e controllata, specie per i bambini, però' una barchetta la mangerei senza pensarci troppo. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh eh Giova hai ragione, prima si comincia a mangiar sano e prima questa sana abitudine farà parte di noi a vita!

      Elimina
  11. Mangiare sano è importante , mio marito che è un nutrizionista dice che è la quantità e la qualità che devi stare attenta, poi si può mangiare tutto!
    Ciao siamo nuove iscritte e siamo due sorelle, se ti và vieni anche tu ad unirti ai nostri follower
    A presto
    Monica di Cucina con Dede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh tuo marito ha perfettamente ragione!
      Grazie per esservi iscritte, passo subito da voi.

      Elimina