Una Fetta Di Paradiso: Streghetta, Scopetta E Micio Nero

giovedì 24 ottobre 2013

Streghetta, Scopetta E Micio Nero

C
’era una volta una bimbetta che si chiamava Nerina. Le piaceva moltissimo vestirsi di nero e amava in modo snaturato i teschi. Una mattina si vegliò e decise di cucirsi da sola un vestitino per il suo compleanno, il 31 ottobre si avvicinava e lei non poteva fare brutte figure per il foto ritratto che i suoi genitori le avevano regalato, avevano ingaggiato un fotografo d’altri tempi per l’occasione.
Così cucì e tutta contenta lo mostrò al suo gattino, Moretto, un felino dal pelo lucente come la notte.
Quel giorno arrivò, e i suoi genitori , oltre al ritratto, le regalarono una super saggina, del suo colore preferito, e le svelarono un segreto incredibile:
era una strega! Ora capì molte cose e da quel giorno non fu più Nerina, ma venne chiamata da tutti Streghetta.
Così, prese al volo il cappello, con la sua Saggy e il suo Moretto, fece una foto vintage e poi se ne andò in giro tutta notte. 



Il suo primo piano: 

il primo piano di Moretto :


.... to be continued ...

La Streghetta con la sua scopa e il suo micio partecipa al contest di Bricolage & ricette blog


12 commenti:

  1. Vale, dolcissima davvero! attendiamo di vedere l'opera completa :) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'opera è venuta fuori con la tortina, ma ne ho in serbo un'altra.....ih ih ih!

      Elimina
  2. deliziosa! Sto facendo un contest di Halloween che riguarda ricette, bricolage e racconti, mi piacerebbe molto se tu partecipassi con questa tua deliziosa streghetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto fatto, banner inserito, ti metto il link. Grazie.

      Elimina
  3. grazie 1000 per aver aderito al nostro Contest

    RispondiElimina
  4. Grazie Valentina! Credevo di essere sola in questo via vai di commenti tra blog e blog... Ti ringrazio per i complimenti e, anche se so che mi sono attirata delle "inamicizie", continuerò nel mio percorso.
    Come dicevi tu che ci sono post con 100 commenti senza neanche una risposta da parte del titolare, forse non è perché rispondono direttamente al blog che li ha scritti? Altrimenti, non ci sarebbe più il "dare e avere". O forse ancora non ho capito l'equilibrio che regola questo gioco.
    Un saluto e grazie ancora Valentina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rischio delle 'inimicizie' stai tranquilla, non è il mio caso, anzi, ti stimo ancora di più perché dire ciò che si pensa e dirlo con educazione e dirlo soprattutto sapendo cosa si sta scrivendo, ha un valore intrinseco ancora maggiore.
      Non mi domando il motivo perché l'interesse (ringraziando Dio)come viene va via in un nano secondo, ma quello che io farò sempre è rispondere qui via e-mail, via posta, ma comunque rispondere sempre, con educazione e garbo, senza riserve Lory.
      un caro abbraccio.

      Elimina
    2. Ahahahhah ahahhahahha, mi hai tolto un grosso peso. Le poche volte che ho tempo per rispondere, non so mai dove farlo. Atro problema per me è associare il nome del blog con il nome proprio.
      Ti ringrazio tanto e, spero, di riuscire a "rubare qualche attimo in più per rispondere alle poche persone VERE.
      Lorena

      Elimina
    3. Quando vuoi ora sai dove trovarmi.......buona serata cara!

      Elimina