Una Fetta Di Paradiso: "Citazioni" E Miele Alla Frutta Secca

venerdì 3 ottobre 2014

"Citazioni" E Miele Alla Frutta Secca

E poi arrivano loro, le citazioni, quelle frasi che avresti sempre voluto dire ma che non si affilavano bene le parole, che non coglievano altrettanto bene il significato intrinseco di ciò che avresti voluto dire, e le leggi lì, in quel libro che tanto ti piace, o le ascolti in quella canzone che mandi e rimandi su you tube, o mentre guardi un film, il protagonista la dice e tu resti incantato perché è proprio ciò che sentivi, ciò che avresti voluto dire, in un preciso istante, in quella discussione, o in quello scambio di idee, quella frase che a volte ti avrebbe salvato la faccia o anche solo risollevato un litigio, insomma le citazioni sono delle gran belle invenzioni. Da quando le ho scovate nei libri, tendo a leggere con una matita per sottolineare le frasi salienti, quando guardo un film ho sempre il mio fido smartphone vicino per appuntarmi ciò che mi colpisce, quando ascolto musica, sto con l'orecchio teso finché quella frase non esce come il coniglio dal cilindro e tutto mi sembra più bello, perché penso che qualcuno, sceneggiatore, cantante o scrittore o chi altro, sia stato in grado di trasformare con le parole ciò che ho sentito e che la mia mente non ha trovato modo di esprimere, perché lasciatemelo dire, a volte, le parole, quelle che veramente ci azzeccano con ciò che si sente in un determinato momento, sono un mantra a cui non si può fare proprio a meno, una manna dal cielo, una soluzione a portata di mano.
E così, ultimamente leggo, guardo, ascolto a più non posso, perché ho come l'impressione che ciò che voglia dire è qui, sulla punta della mia lingua, ma non riesca ad uscire al meglio, così, a volte, mi esprimo con citazioni, che poi fanno fare anche bella figura ... "guarda te questa è pure colta!"....e ho detto tutto!
Questa ricetta che poi ricetta non è, perché è tutta in sé, come le citazioni, l'unica cosa che tu devi fare è di sterilizzare il vasetto se ne fai uno o i vasetti poi (quando ti creerà dipendenza), necessita solo di due ingredienti, il principale è il miele, uno di quelli buoni magari biologici all'acacia o al castagno o al vostro gusto preferito, e la frutta secca che può essere mista o di un solo tipo, a voi la scelta.
Io lo chiamo il 'vasetto delle delizie', l'ho acquistai nella mia vacanza estiva in Trentino Alto Adige, circa 3 anni fa, in una bottega che vendeva un po' di tutto, dalla carne alle confetture e scovai questa conserva a base di miele con frutta secca mista, di cui io sono ghiottissima, e ahimè, ne acquistai un unico e solo vasetto, piccino peraltro. Lo riportai a casa e lo lasciai in dispensa per qualche mese. Poi durante una serata in cui la voglia di dolce fece da padrone, ma la dispensa era semivuota, lo tirai fuori e con mio sommo stupore, fu finito in quattro e quattr'otto dalle nostre boccucce fameliche. Mi è sempre rimasta la voglia e rimandavo di continuo il suo rifacimento, fino a quest'oggi, con gli ingredienti alla mano, il gioco è fatto.
 Ingredienti:
300 gr di miele ottima qualità
200 gr frutta secca (io ho usato 150 gr di mandorle e 50 gr di nocciole)
Procedimento:
Provvedete a sterilizzare il vasetto di vetro, o alla vecchia maniera, bollendolo in una pentola colma di acqua per 15 minuti o nella nuova maniera, lavandolo nella lavastoviglie con un programma sui 40°. Fatelo asciugare bene. Versate un tipo di frutta secca, se ne usate più tipi, creando una stratificazione per tipo, il mio vasetto è piccolo, perciò ho solo due strati, uno di mandorle e uno di nocciole.
N.B.Vi consiglio di lasciarli con la pellicina il sapore è migliore, perché il miele penetrando nella frutta la lascia morbida dentro e la pellicina conferisce quel tocco amarognolo che ben si lega con il dolce del miele.
E poi basta, tutto qui, chiudete il vasetto, sterilizzatelo nell'acqua calda per permettere il sottovuoto al tappo e conservatelo almeno un mese nella dispensa, al fresco, lontano da fonti di calore. Così avrà modo di stemperarsi nel miele e di diventare una vera ghiottoneria. 
Vi saluto con una citazione, visto che mi avete letto fino a qui, ve la meritate:
<<A volte i minuti non sono minuti, sono reincarnazioni di vite. Nell'attesa, sono già rinato mille volte. Ho percorso tutta la catena alimentare. Sono stato zanzara, armadillo, elefante...>> .
Cit. Fabio Volo in Un posto nel mondo

34 commenti:

  1. Io sono un'amante delle citazioni... da sempre... da piccolina le scrivevo sui post-it e gli attaccavo all'armadio... ora le scrivo sul blog... o sul telefono... Una favola questo miele.... bravissima!!!

    RispondiElimina
  2. Non ci credo che per scovare questo miele tu sia andata fino in Trentino!!! (ok, in Trentino c'eri d già) :)
    Quest'estate, in vacanza dalle tue parti, l'ho trovato ovunque e ne ho fatto incetta, con tutte le varianti di frutta secca e hai ragione a dire che da dipendenza!!!!
    E per quanto riguarda la citazione... io, in questo momento, devo essere nella fase "elefante" :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mio, era per dire che prima del Trentino non conoscevo l'esistenza di questa delizia allo stato puro, sebbene viva in una regione che di miele ne produce assai. Come lo vidi nascosto nello scaffale fu subito mio. Col senno di poi, e forse anche con ulteriori viaggi, mi accorsi che vasetti come questo ne era piena anche la mia terra (come giustamente scrivi tu), ma io profana fui. Ora siccome i prezzi non sono molto abbordabili, ed io ho lo "spacciatore" di frutta secca vicino casa, mi sono dilettata a farmelo da me! Devo dire che visto il vostro entusiasmo ho fatto moooolto bene!
      E poi 'elefante', mo, non esageriamo...quan più che citazione è autolesionismo....suvvia, che saranno mai due, tre chiletti da perdere...guarda me, che di chili ne ho di più e mi sento leggera come una libellula....ce la faremo Angela, vedrai!

      Elimina
  3. Un tempo anche io mi scrivevo e sottolineavo delle belle frase, ma ora sono diventata pigra in questo senso. Non e che io non facessi tante cose, ma forse il tempo non basta mai. Non è male arricchirsi il vocabolario. Qualche anno indietro scrivevo pure delle lettere a mo di poesia e mi divertivo un sacco, ora invece neanche quelle non li scrivo, perché con la tecnologia è più facile chiamare al telefono e non è una cosa molto bella. Ogni tanto fa piacere anche leggere due righe, sopratutto i nostri genitori che aspettano che qualcuno li bussa alla porta... ma è la vita...
    Ora passiamo al tuo barattolino.... avevo visto questo tipo di baratolo a una mia amica, che ha portato sempre dalla montagna, ma non ancora assaggiato. Sarà buonissima questa frutta secca avvolta nel miele. Del miele ho perché quest'anno ho comprato da una mia cugina, non sarebbe male che lo facessi anche io. Buon weekend ! Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì te lo consiglio, sia di provare il vasetto delle delizie sia di riprendere in mano le vecchie abitudini scrivane, entrambe danno gioia!

      Elimina
  4. CHE IDEA STREPITOSA, VALE!!!!!MI PIACE IMPARARE FRASI E CITAZIONI NUOVE!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  5. Mi piace molto fare le conserve in casa. Questa ricetta proprio mi mancava, deve essere di una delizia incredibile. La segno!
    Io ho una memoria che fa pena! Non riesco mai a ricordare citazioni che sento e che mi piacciono. Dovrei camminare con taccuino e penna fissi in tasca ma non sempre è possibile, per cui molte belle frasi finiscono nel dimenticatoio della mia mente (che è bello capiente)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah Natalia, hai descritto perfettamente chi hai di fronte, io cammino 'ancora' con taccuino e penna in borsa, tipo Agatha Cristie ...!!!

      Elimina
  6. sai bene cosa penso delle parole ;) la ricetta è stupenda, soprattutto da regalare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che lo so, dolce amica mia, il vasetto, difatti, l'idea era quella....la produzione è alle porte.... ;-)

      Elimina
  7. complimenti per le citazioni ma soprattutto per la preparazione deliziosa

    RispondiElimina
  8. Sono sicura che quello che senti sulla punta della lingua verrà fuori come un vulcano in eruzione..probabilmente il tuo inconscio non è ancora pronto a rivelarlo ed affrontarlo!
    Questo vasetto è pura poesia..lo faccio spesso anch'io ma non sapevo del riposo di un mese O_O io me lo mangio subito nel giro di una settimana O_O
    Buon we tesoro <3
    ps: ho letto anch'io quel libro di Fabio Volo, prova anche questa lettura a me è stata utile
    "Mangia, prega, ama" di Elizabeth Gilbert

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro che mi hai citato non l'ho letto ma ho visto il film, che ti dico non mi ha fatto impazzire, forse, si è distaccato da esso, a volte capita che i film siano leggermente differenti dall'originale testo. Però se tu dici che può ispirarmi lo prendo e lo leggo ;-)
      Ah!Tu spetti una settimana.....golosona.......io resisto così lo assaporo al massimo del godimento!

      Elimina
    2. Io invece non ho visto il film ma in molti mi hanno detto che è deludente...cmq a me è piaciuto, soprattutto mi è stato di conforto in un momento che mi sono sentita persa..
      Passo x lasciarti un saluto veloce, x un po' sarò assente ma ci tenevo a lasciarti un abbraccio stretto stretto <3<3<3<3 mi mancherai <3

      Elimina
    3. Lo leggerò, stanne certa!So che sei in vacanza....goditela.....perché lo sai, ogni lasciata è persa!!!

      Elimina
  9. Ho capito ogni singola parola di quello che volevi dire e condivido pienamente e anche io faccio cosi certe volte mentre altre mi esce tutto in modo cosi semplice e naturale proprio come questo stupendo vasetto !!!Come stai???ti abbraccio e ti auguro un sereno we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carca Cinzia, sto molto bene e ti ringrazio per il pensiero. Sono molto positiva e differentemente dalle altre volte, sono e mi sento più forte che mai. Perciò ho voglia di condividere le mie parole e le mie idee con tutti voi.

      Elimina
  10. Farei follie per un barattolino così..... sono stragolosa!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah ma chi non lo è ai giorni nostri?! Sia essa in preparati dolci che salati, la golosità ci rende vivi e interessanti.

      Elimina
  11. Sembra delizioso! Ho ancora dell'ottimo miele di un amico di famiglia, direi che proverò a breve...


    L'angolo della Casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova perché è stra goloso, io ho già cominciato la produzione per Natale!!!Devo solo acquistare le decorazioni da inserire nella confezione del vasetto, alla Camilla maniera!

      Elimina
  12. Vale, adoro anche io le citazioni e mi ritrovo a sottolineare frasi quando leggo un libro... a volte anche un giornale... e mi piace il legame che hai creato tra la citazione (è tutta in sé) e il vasetto di miele e frutta secca :) Non ci crederai ma proprio ieri mi è capitata tra le mani una ricetta (salata) che prevede l'uso delle noci al miele (che io non ho, al momento) e mi sono detta: uffa, adesso chissà quanto tempo passerà prima che io possa rifare questa ricetta... chi le vende queste noci al miele? Mai viste.. Mi piacerebbe farle! Ed eccoti qui con la ricetta che fa per me... grazieeeee :D <3 Adesso la salvo e provo al più presto visto che deve stare un mese a riposo, immagino la bontà! E' anche un bellissimo regalino di Natale! ^_^ Complimenti e un bacione, buona serata! :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vale, a volte, è vero, le telepatie sono disarmanti! Capitano spessissimo anche a me! :-p
      Sono contenta che questa idea ti sia piaciuta, con le noci assolute poi, una libidine, peccato che a me diano un po' fastidio all'intestino, le noci, dico, però mio marito le adoro, perciò gliene preparerò uno tutto per lui con solo noci.
      Comunque li fai, sono vasetti golosi e peccaminosi e poi hai già una ricetta pronta dove poterli testare ;-)
      Vai con il miele!!!
      Ti abbraccio

      Elimina
  13. Che ricetta fantastica, miele e frutta secca è una vera bontà, bravissima! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Valentina, eccomi a sbirciare sul tuo blog e...questa ricetta non poteva non esser commentata!! Il miele con le mandorle (ma anche con le noci, le nocciole, ecc) lo adoro - basta pensare al nome del mio blog - ma, ahimè, non ho mai provato a farlo da me. Dato che i prezzi sono proibitivi, come giustamente dici tu, vorrei provare a cimentarmi ma ti chiedo una delucidazione: una volta riempito di miele e frutta come lo sterilizzo? Devo metterlo in acqua bollente o calda? Per quanto tempo? Dev'essere capovolto? help!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sabrina, per la sterilizzazione segui il procedimento delle confetture. Una volta che hai invasato la frutta secca e il miele -mi raccomando il vasetto pulito- chiudi con il tappo, avvolgilo innun canovaccio pulito, usa una pentola profonda, posiziona il vasetto con il canovaccio dentro, riempi di acqua freda fino a coprirlo tutto, accendi il fuoco e lascia cuocere fino all'abolizione, lascia una decina di minuti in cottura dopo l'ebollizione cosi da creare il sottovuoto (il famoso clap del tappo), spegni il fuoco e lascia raffreddare il vasetto nella pentola. Terminata questa procedura, asciughi il vasetto e lo conservi un mese in dispensa.
      Fammi sapere e se serve chiedi pure ♥

      Elimina
  15. Ok cara, grazie mille...sei stata precisissima. Se avrò bisogno continuerò a disturbarti ;)
    Buona giornata e a presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai pure, io sono sempre a disposizione per voi!

      Elimina
  16. Che vasetto prezioso!
    Un abbraccio

    RispondiElimina