Una Fetta Di Paradiso: Le Tigelle Di Benedetta E Nuova Etichetta

lunedì 6 ottobre 2014

Le Tigelle Di Benedetta E Nuova Etichetta

Questa idea nasce dall'ennesima ricetta vista online e dall'ennesima voglia di provare, lasciando la ricetta come l'originale o cambiandola quel poco per adattarla ai miei gusti, comunque la vediate, è un'etichetta promemoria che credo, ognuno di noi, abbia sparsa tra i vari dispositivi tecnologici di casa. Racchiudo, così, tutto in un unico spazio, ciò che la mia mente ha trovato interessante e che per mancanza di tempo resta in stand by prima di nuova vita.
Troverete una lista di ricette che, prima o poi, saranno eseguite dalla sottoscritta, con i link di rimando ai siti/blog originari. Ovviamente quando avrò il tempo necessario per realizzare la ricetta, ci sarà il depennamento dalla lista con relativa citazione in essa.
Spero di suscitare anche il vostro interesse in questo nuovo progetto.
Le ricette? Dolci, of course, ma anche lievitati, grazie alla mia Amelia, e qualsiasi cosa abbia suscitato il mio interesse durante la navigazione.



<<Ricette Dalla Rete Da Provare>>


Per la seconda volta, mi sono avventurata in una ricetta di Benedetta Parodi (la prima volta è qui).

 Non so chi gliele scriva le ricette, ma questa come l’ho vista l’ho preparata, e la nostra cena ha cambiato prospettiva.

In precedenza questo personaggio pubblico non mi era molto simpatica, forse per quell'aria saccente che aveva, ma in un passaggio di Bake Off Italia, che guardo con interesse per la presenza del Maestro Knam, ho avuto modo di rivalutarla. 
Sapete che non lascio niente al caso e voglio riportare qui la trascrizione testuale di ciò che mi ha letteralmente fatto cambiare parere su di lei.

<<Devo dirti una cosa, io quando ti sento parlare di pasticceria tu proprio ti si illuminano gli occhi, invece certe volte, vedo un'espressione un po' velata, un po' triste - Benedetta - Cosa si nasconde dietro questi occhi? Erika risponde: quando faccio le prove, magari faccio bene, ma c'è sempre qualcosa che non va. - Benedetta - sì, ma, nella vita Erika è sempre così. Cioè ci sarà sempre qualcosa che non è, la perfezione non è di questo mondo, devi essere un po' più morbida con te  stessa, perché sei brava e stai andando alla grande da sola, questo è 'importante eh?>>

Citazione Testuale dialogo Bake Off Italia II Puntata

Ecco, ho rivalutato la mia antipatia per questa donna, ora la stimo.

Io ho dimezzato le dosi, dovendo sfamare solo due persone, però sono così buone, fragranti e veloci da eseguire, che le rifarò e le congelerò per futuri usi mangerecci.


Ingredienti Per 14 Tigelle:

250 gr farina Manitoba con lievito madre secco
(altrimenti 250 gr farina Manitoba con 12 gr lievito di birra)
50 gr latte tiepido
70 gr acqua tiepida
1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
q.b. sale

Procedimento:

Impastare tutti gli ingredienti per 10 minuti in una planetaria.
Lasciare riposare l’impasto per un’ora in luogo tiepido.
Riprendere l’impasto, stenderlo in un’unica sfoglia, con dei bicchieri o un coppa pasta tondo, creare dei cerchi del diametro di 4 cm circa.
Ungere la padella antiaderente con una noce di burro.
Adagiare i cerchi di impasto nella teglia calda, girare dopo 3-4 minuti o comunque quando si son gonfiati un po’.
Aspettare altri due minuti e tirarli fuori, lasciandoli intiepidire.

Lei li accompagnava su un tagliere con un misto di affettati e una cremina a base di lardo, ovviamente noi siam restati leggeri e li abbiamo farciti con del crudo stagionato, 
voi seguite le vostre papille gustative.


Tanto finiscono subito!


Con Questa Ricetta Partecipo Alla Raccolta Di SandraBarbara e l'ospite di ottobre Maria Teresa 


12 commenti:

  1. Concordo con te che finiscono subito, dico questo dalla propria esperienza. Anche a casa mia quando li faccio, fanno la stessa fine e si sa perché... sono buonissime e si vede anche le tue che hanno un bel aspetto ! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudia, difatti una tira l'altra davvero!

      Elimina
  2. Che belle.... credevo fosse più complicato fare le tigelle
    Ho preso una nuova farina senza glutine.. chissà come verrebbero!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' scomparsa la tua foto picché? Senza glutine è da provare, poi vengo a sbirciare così le preparo a mia cugina....che abituata com'è ai gusti industriali, si leccherà i baffi!

      Elimina
  3. Mi piace la tua nuova etichetta, e che dire delle tigelle, sono buonissime, hai ragione finiscono in un batter d'occhi! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Molly, meno male che ne ho fatte solo 14 altrimenti lievitavamo, perché poi le ho mangiate anche vuote, ma farcite stanno su un altro pianeta!

      Elimina
  4. Non ho mai provato a farle... mi tenti! Un abbraccio cara... <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiii, il 'gioco' sta in quello...tentarvi per provarle!!! ^_^

      Elimina
  5. mmmmmm che buone le tigelle!^_______^

    RispondiElimina
  6. adoro le tigelle, io di solito le faccio con lo yogurt, ma e' molto bella anche l'idea del latte e dell'acqua, cosi' come ho gia' provato con latte e margarina, cambia solo l'aroma che si senta con la lievitazione e la fragranza!!!Brava, mi piace la tua iniziativa!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con lo yogurt mai fate, dovrò provvedere al più presto...magari in versione integrale ;-)

      Elimina