Una Fetta Di Paradiso: Pranzo Domenicale Con Cognati

domenica 17 novembre 2013

Pranzo Domenicale Con Cognati

Mi sono resa conto che sono state poche le volte in cui ho avuto a pranzo i fratelli di mio marito, per dimenticanza, forse, o forse perché sebbene famigliari, non abbiamo così tanto rapporto con loro (tranne con mia cognata che sento settimanalmente), è vero che la distanza penalizza un po’, ma è anche vero che è sempre la sua famiglia e non si può far finta che non ci sia.

Così ho deciso, parlandone con lui, che era giunto il momento di ovviare a questa mancanza, organizzando un Signor pranzo con loro, e di iniziare una nuova tradizione, ossia ripetere l’occasione almeno una volta al mese, per stare vicini, perché nonostante tutto, la famiglia E’ la famiglia.

Perciò via alle danze, perché i preparativi fervevano nella mia cucina e non posso non illuminarvi su quanto io abbia deciso di imbandire.

Ci saranno descrizioni, ricette, fotografie, perciò armatevi di santa pazienza, ma alla fine avrete le papille gustative a mille e non potrete fare a meno di leggere … ih ih ih … o di bissare anche voi nelle vostre cucine … 
pranzo domenicale per eccellenza
 arriviamooooooo !!!!

Dunque ho stilato prima di tutto un menu, perché per meglio preparare il tutto, devo seguire un programma

Dapprincipio era il ragù. Il mio ragù si è fortificato nel tempo, grazie all’influenza della mia mamma e della mia nonna, certo il sapore è simile, perché il ragù della nonna, ERA il ragù della nonna, e mia madre non tanto ama farlo, perciò mi sono dovuta reinventare.

I miei ingredienti per un ragù dal risultato ottimale sono:

400 gr macinato misto
200 ml olio extra vergine di oliva
q.b. carote, sedano, cipolla
q.b. sale e pepe
80 ml vino rosso
1.700 kg di polpa di pomodoro

Con questo quantitativo completo una teglia da 12 porzioni di lasagne.

Procedo facendo soffriggere le verdurine nell’olio. Dopo poco aggiungo il macinato, aggiusto di sale e pepe, verso il vino, attendendo qualche minuto affinché sfumi, e verso in ultimo la polpa.
Lascio cuocere con un coperchio per un paio d’ore scarso a fiamma moderata.
Quando la polpa si è ritirata un po’, spengo il fuoco.
Il ragù è pronto. 

Procedo nel preparare la lasagna.

Taglio la provola dolce a cubetti.
Userò anche 150 gr di parmigiano reggiano e la besciamella.

Essendo un menu gluten free, mi sono adoperata nel farla da sola.

Gli ingredienti usati sono:

60 gr burro
60 gr farina di riso *
500 ml latte parzialmente scremato
q.b. sale e noce moscata
*Prodotto consentito

Ho proceduto facendo sciogliere sul fuoco basso il burro. Una volta sciolto, fuori fuoco, ho aggiunto la farina di riso, mescolato,
 rimesso sul fuoco e versato ‘a filo’ il latte, 
cuocendo per circa 5/8 minuti, finché il composto non tende a rassodare. Mentre mescolavo, ho aggiustato di sale e noce moscata.
Et voilà, la mia besciamella gluten free: 

Andiamo di lasagna ora.
 Riprendiamo le crespelle gluten free fatte venerdì.
Nella pirofila di alluminio (anti contaminazioni J), versiamo un mestolo di ragù, adagiamo le crespelle,
 altro ragù sopra, cospargiamo i cubetti di provola, la besciamella e il parmigiano, e procediamo usando tutti gli ingredienti ed arrivando fino al bordo della teglia.

 Alla fine ho usato 20 crespelle, le altre 10 le ho incellofanate, etichettate e congelate.
Pronta per essere cotta.

Per il secondo piatto ho preparato
 un polpettone in crosta di speck con sorpresa
la sorpresa qual è? 
Procediamo per gradi.

Gli ingredienti usati sono:

800 gr macinato misto
2 uova
q.b. pangrattato gluten free consentito *
q.b. sale e pepe
q.b. prezzemolo
60 gr parmigiano reggiano

Ho proceduto unendo in una terrina tutti gli ingredienti, aggiustando di pan grattato al fine di poterlo compattare meglio.
Ho usato due fogli di carta forno, dentro cui ho steso con il mattarello il trito di carne, formato un rettangolo, adagiato al centro 300 gr di salsiccia
 e 200 gr di carciofini spaccati sott’olio, avvolto su se stesso a salamotto, ricoperto poi con 70 gr di speck a fette.
Ho avvolto in carta forno e stretto bene ai lati,
 infornato a 180° per 70 minuti, di cui la metà per un verso e l’altra metà per l’altro verso.
Terminato il tempo, il polpettone è pronto.
Bisogna farlo freddare e tagliarlo a fette, 
evitando così che si sgretoli durante il taglio.
Una foto della 'sorpresa' interna:
Ho preparato un po' di olio con del battuto di verdure per accompagnare il polpettone.

Infine ho preparato il dolce che vedrete in un post a parte.

La tavola?
Non potevo redimermi dall'apparecchiare in maniera carina, in loro onore. 
Dettaglio del posto e del menu stampato 

Giornata davvero splendida ... mi piace questa nuova tradizione!

18 commenti:

  1. Fantastico menu!!Sei stata bravissima!!

    RispondiElimina
  2. Wow! quante coccole per i tuoi cognati...come si fa a diventare tuo parente? ahahha
    Un abbraccio Leo

    RispondiElimina
  3. Ciao vale!complimenti x questa organizzazione!l idea del menù stampato é carinissima,i piatti tutti deliziosi....in particolare il polpettone....mi ha fatto venire l acquolina....lo devo provare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova prova, molto buono, anche riscaldato...(per il pranzo di oggi)

      Elimina
  4. Quanto lavoro Vale!!! sono sicura che i tuoi ospiti hanno apprezzato tutto!!!
    ti abbraccio
    Sara
    ps: inviti anche me???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando vuoi Sara, mi piace avere ospiti a pranzo/cena!
      Sì loro erano tutti felici con le panze piene ed io soddisfatta che i due giorni laboriosi abbiano portato i loro frutti!

      Elimina
  5. Caspita, Vale... che lavorone!
    Ma sai che è una trovata geniale quella di cuocere il rotolo nella carta forno?
    Non mi è mai venuto in mente ma rimedio alla prima occasione.
    In genere lo infilavo nello stampo da plumcakes, però, non girandolo, la cottura non mi veniva uniforme!
    Grazie per la dritta.. bravissima come al solito!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima lo cucinavo in teglia, poi una volta ho provato in forno, ma aperto, senza carta forno, lo coprivo per la prima mezzora con carta alluminio e poi lo scoprivo, ma era troppo 'faticoso' poi ho letteralmente ripiegato sulla carta forno, perché l'unica manovra che devi fare e girare il rotolo a metà cottura, fa tutto il forno poi. Ed ora lo cucino sempre così e ti dirò che non viene neanche molto secco.

      Elimina
  6. Mmmmm.... un sacco di cose buone !!! Bravissima !!! :)

    RispondiElimina
  7. Fantastico il menu' e sei fantastica tu!!!!! complimenti per il polpettone deve essere favoloso!!! un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già, ha riscosso molto successo.....ha gradito anche Cookie, eh eh eh!!!

      Elimina
  8. Bravissima...sembra di stare al ristorante!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ih ih ih grazie Moni! Io son stata chef, capo sala, cameriera, cassiera, intrattenitrice e cognata e moglie e zia, tutto in un'unica persona!!!che faticaccia!

      Elimina