Una Fetta Di Paradiso: Pane Semplice Al Farro Dell'Antica Pompei

venerdì 13 marzo 2015

Pane Semplice Al Farro Dell'Antica Pompei

Un'antica civiltà, un'antico forno, un'antica ricetta.
Protagonista indiscusso: il pane. 

II secolo a.C. quando dalla panificazione casalinga si passò a quella professionale, creando attività di panettieri e vendendo i propri prodotti agli avventori.
Scenari di ordinaria quotidianità nella città di Pompei, precedente l'eruzione del vulcano che distrusse tutto, nel 79 d.C.

L'ingrediente principe del pane romano è il farro, già largamente usato nel mio blog in chiave moderna, ora riproposto qui in chiave antica. 

La forma rotondeggiante, con intagli sulla superficie per facilitarne il taglio dopo la cottura.

Un'interpretazione personale, la mia, dedicata a questo affresco che campeggia nell'antica città campana. 


Come potete notare le pagnotte sono prevalentemente rotonde ed intagliate.

Per i Romani il pane diventa parte integrante della struttura sociale ed è anche una semplice necessità quotidiana.
Il pane è vita.

Ingredienti Per Il Lievitino:

100 gr farina di farro bianca biologica
100 ml acqua tiepida
130 gr lievito madre rinfrescato

Procedimento:

Unire tutti gli ingredienti in un recipiente e far lievitare a temperatura ambiente per 1 ora.

Ingredienti Per La Pagnotta:

200 gr farina di farro bianca biologica
200 gr farina di farro integrale biologica
2 gr di sale rosa
20 ml miele
40 ml acqua tiepida (facoltativo)

Procedimento:

Versare le farine, il sale e il miele nella planetaria, aggiungere il lievitino cresciuto.
Se il composto risulta troppo duro, aggiungere  l'acqua facoltativa.
Impastare per qualche minuto, affinché il panetto risulti liscio  e sodo. 
Pesare il panetto, il mio era 760 gr, suddividerlo in due parti uguali.
Stendere con un mattarello dando uno spessore di circa 1 cm e mezzo e conferirgli una forma tonda di circa 20 cm.
Proseguire allo stesso modo con la seconda metà.
Adagiare le due metà, una sull'altra, infarinare leggermente ed intagliare con una lama affilata, mono porzionando la superficie.



Far lievitare in un luogo tiepido per un paio di ore.



Cuocere nel forno caldo a 200° per 40 minuti circa.

Sfornare e lasciare raffreddare a temperatura ambiente, prima di suddividerlo ed assaporarlo con burro, affettati, o in ciò che più vi aggrada.

Io non ho resistito e da caldo
 l'ho assaporato con fettine di burro e tutto è volato via...il profumo e il sapore del pane appena sfornato, guarisce ogni stato d'animo.

Questo poi con la crosticina croccante e la mollica morbida è un toccasana per i palati più difficili.

Con Questa Ricetta Partecipo Al Contest Di Panilibrienuvole 

Con Questa Ricetta Partecipo Alla Raccolta Di #Panissimo27 da Terry


29 commenti:

  1. Bellissimo questo pane, complimenti :)
    Un bacione :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Valentina! Grazie per questa ricetta, mi sembra quasi di sentire il profumo del pane caldo...e quel velo di burro con cui l'hai gustato...che bontà!
    Davvero una bella ispirazione, forse la più "antica" di quelle arrivate fino ad ora e quindi particolarmente affascinante...ancora di più per gli appassionati di storia antica! :-) Assomiglia davvero a quei pani esposti nell'affresco...bravissima!
    Grazie di aver partecipato e buona giornata!
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te e a questo bellissimo contest!!!

      Elimina
  3. bellissimo! devo provare, io avevo fatto un pane al farro ma avevo tagliato la farina con la 0 e impasto diretto :-)
    un abbraccio e buon week end
    raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo uso sempre da solo o con altra farine ai cereali e il risultato è sempre ottimo...ora non guardare la fetta compattissima perché era bollente, altrimenti è perfetta!

      Elimina
  4. che meraviglia trovare le origini dei piatti, bellissimo il tuo pane, da' tante soddisfazioni sfornarlo a casa!!!Anch'io lo mangio sempre caldo non so resistere!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici Sabry per me è una droga, caldo caldo con la crosticina croccante.

      Elimina
  5. Un bellissimo pane e poi, sei come a casa mia che non si resiste se non si taglia ancora caldo. Come si fa a resistere, troppo buono ! Buon fine settimana !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difatti resisto poche volte a non affettare...eheheh

      Elimina
  6. Ha un aspetto incantevole O_O complimenti Vale e grazie x le interessanti nozioni storiche ^_^
    Felice we e a presto <3

    RispondiElimina
  7. Un post davvero interessante e un pane che fa venire voglia di allungare la mano e prenderne un pezzo! Bravissima! Un bacione e buon weekend :) :**

    RispondiElimina
  8. Grazie per le informazioni sull'origine di questo pane che è invitante!

    RispondiElimina
  9. Molto interessanti le nozioni che ci hai regalato ma il pane. ..... bellissimo! Anche a me piace molto il farro. Questo non me lo regali a Panissimo? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Terry .... solo che ho problemi di linea spero di riuscire ad inserirti il link da qui....

      Elimina
  10. Panifico spesso, ma questa cosa delle due metà non l'ho mai provata... mi hai dato un'ottima idea, sono curiosa di vedere come viene!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viene bene. In lievitazione si amalgamano e crescono insieme...

      Elimina
  11. Idea meravigliosa e ottimo e curioso pane!
    Buona settimana, cara :)

    RispondiElimina
  12. Bella proposta e bello leggere tutta la storia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, felice che vi abbia incuriositi.

      Elimina
  13. Bellissimo post!!! Bravissima!!! ^_^

    RispondiElimina
  14. La ringrazio molto per l'aggiunta di ricette per Akacjowy blog, saluti

    RispondiElimina
  15. Non scegliere a caso... se cerchi bene c è il prodotto giusto per te. Prova i semi di chia biologici. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NDgwMzgyNiwwMTAwMDAxMixzZW1pLWRpLWNoaWEuaHRtbCwyMDE2MDYyOSxvaw==

    RispondiElimina